Lega Nord

AN congresso provinciale, on.Arrighi: “Dadati considera il partito una proprietà privata. Si faccia da parte. Auspico il rinnovamento e l’unità di An”

“Purtroppo, come già in passato è successo, sono a constatare che, all’avvicinarsi di una scadenza congressuale, Fabio Dadati considera il partito una sua proprietà privata.” Così ha dichiarato l’on. Alberto Arrighi, della Direzione Nazionale di An ed esponente di spicco della corrente che fa capo a Francesco Storace.
“Per l’ennesima volta il Presidente uscente ha dimostrato l’intenzione di creare difficoltà al tesseramento di chi non rientra tra i suoi fedelissimi ascari.” – continua l’esponente di An – “Questo è successo con un buon numero di rinnovi (non di nuovi iscritti) presentati, statutariamente, dal Presidente del Circolo Sicurezza di An, Alfredo Stella, che tutti sanno essere politicamente vicino al sottoscritto.”
“Senza entrare in dettagli tecnici e formali, che troveranno il modo di essere discussi nelle sedi opportune,” – prosegue Arrighi – “ritengo però sin da ora doveroso annunciare l’intenzione politica mia e del gruppo di “d-Destra” in vista del prossimo Congresso provinciale.”
“Se fino ad oggi – per motivi dovuti al meccanismo congressuale che prevede l’elezione dei delegati al Congresso regionale legata alla presentazione di un candidato alla presidenza provinciale – era nostra intenzione presentare una candidatura rappresentativa della destra interna ad An, garantendo in ogni caso a chiunque fosse stato eletto una volontà collaborativa per la gestione del territorio nel futuro, alla luce delle ultime volontà manifestate per iscritto dal Presidente uscente Dadati circa il rinnovo di alcune decine di tesserati, da ora in poi lavoreremo per aprire un confronto serio e costruttivo con tutti coloro che nel partito cercano per davvero l’unità e la collaborazione sul territorio, al fine di individuare una candidatura alternativa alla riconferma del Presidente uscente. Candidatura” – ribadisce il dirigente nazionale di An – “che dovrà essere dotata di forte credibilità e di profilo istituzionale certo, e soprattutto all’altezza delle sfide che An dovrà affrontare nei prossimi mesi e anni.”
“Ringrazio l’amico assessore calolziese, Luca Caremi – che si era già detto pronto a candidarsi – per la sua disponibilità a congelare la sua attuale candidatura al fine di individuare invece una figura di rinnovamento del partito capace di aggregare nuovo e ulteriore consenso rispetto a quello dei soli esponenti della nostra componente.” – conclude l’on. Arrighi – “Sono molto fiducioso perchè ho già trovato grandi disponibilità a questo ragionamento in vasti e importanti ambiti del partito. Sono certo che nei prossimi mesi assisteremo, finalmente, ad una forte opera di rinnovamento di An sul territorio lecchese.”

On.Alberto Arrighi

Lecco, 18/01/2007