Lega Nord

Controlli serrati al mercato.

Contrasto ai furti, verifiche mirate sul rispetto delle regole da parte degli ambulanti, un attento presidio per garantire sicurezza ed efficienza del servizio.
Queste le azioni messe in campo da qualche mese al mercato di Calolziocorte, e in particolare nella mattinata di martedì 9 aprile quando il comando della Polizia locale ha deciso di attivare un controllo mirato su alcuni mezzi dei commercianti. Sul posto, con ipad e blocchetti alla mano gli agenti Sonia Parisi, Filippo Salerno e Gaetano Pepe. «Il risultato, come pensavamo, è stato positivo – commenta il comandante Andrea Gavazzi – nessuno dei cinque mezzi che i miei agenti hanno sottoposto a verifiche in merito ad assicurazioni, revisioni ed altre documentazioni, hanno mostrato irregolarità. Tutto a posto, insomma. Da tempo monitoriamo il mercato di Calolzio e la presenza costante nelle operazioni di spunta, e non solo, porta i suoi frutti».
In totale le bancarelle presenti nell’area del lungolago del Lavello sono ben 132. «Prima dell’azione attuata martedì, in seguito a un controllo delle documentazioni al computer, sono stati estratti cinque numeri di altrettanti ambulanti nei confronti dei quali sono scattati questi accertamenti – aggiunge Luca Caremi, assessore alla Sicurezza – Calolzio tiene molto al suo mercato, tra i più apprezzati e nutriti sia in termini di venditori che di clienti dell’intera provincia. Ogni martedì arrivano in media 4/5mila persone, visto l’ampio bacino sia della valle San Martino che della vicina Olginate. Da qui la necessità di garantire sempre il massimo rispetto delle regole anche con attività di prevenzione». Se da un lato è motivo di soddisfazione il rispetto delle regole da parte degli ambulanti, dall’altro preoccupa il ripetersi di alcuni furti con destrezza. A più di un cliente del mercato nei mesi scorsi sono stati rubati borsette o portafogli, l’ultimo caso proprio il martedì precedente a quello dei controlli, con una borsa ritrovata a terra ripulita e restituita alla legittima proprietaria.
«La presenza costante dei vigili – conclude Caremi – vuoi essere da deterrente anche i questa problematica. Ma nel complesso il mercato della nostra città merita una promozione a pieni voti, a partire dalla qualità e varietà dell’offerta».
Tratto da La Gazzetta di Lecco.